A partire dai 25 anni potete aumentare in qualsiasi momento con un versamento volontario il vostro avere di vecchiaia disponibile fino all’importo massimo stabilito dal regolamento.

Per poter effettuare un riscatto, dovete prima compilare il formulario «Dichiarazione / conferma del conferimento personale nell’istituto di previdenza» in modo completo e veritiero e rispedirlo firmato a Previs Previdenza. 

Soltanto dopo aver ricevuto tale formulario, potremo verificare se il vostro riscatto è conforme alle disposizioni di legge. Dopo tale verifica, sarà nostra cura comunicarvi per iscritto le coordinate per il pagamento.

Dopo che il pagamento sarà stato finanziato in maniera dimostrabile con il vostro patrimonio privato (ossia pagamento dal vostro conto privato), tale importo sarà incluso nel vostro conto assicurati nella previdenza sovraobbligatoria. Riceverete una lettera di conferma unitamente al certificato di previdenza, nonché un attestato fiscale per la vostra prossima dichiarazione d’imposta.

Il riscatto effettuato può essere dedotto dalle tasse. L’amministrazione delle contribuzioni competente è responsabile per la deducibilità fiscale definitiva del riscatto. Previs non garantisce alcuna deducibilità fiscale dei riscatti a lei corrisposti.

Il nostro regolamento di previdenza prevede, oltre al riscatto personale negli averi di vecchiaia massimi, ancora il riscatto della rendita di transizione AVS nonché il riscatto del pensionamento anticipato. Prima di poter effettuare un riscatto per un prefinanziamento della rendita di transizione AVS o del pensionamento anticipato, è necessario che sia già avvenuto il riscatto integrale fino agli averi di vecchiaia massimi.

 

Vantaggi per la persona assicurata

  • Con il riscatto e i relativi interessi, aumentano le vostre prestazioni di vecchiaia (rendita di vecchiaia) e, a seconda del piano previdenziale, anche le vostre prestazioni di rischio (rendita in caso di decesso o invalidità).
  • Sostanziale deducibilità dell’importo del riscatto dal reddito imponibile.

 

Restrizioni

  • Prima di poter cogliere un’opportunità di riscatto, dovete aver già conferito tutte le prestazioni di libero passaggio e aver rimborsato tutti i prelievi anticipati nell’ambito della promozione della proprietà d’abitazioni.
  • Se sono stati effettuati dei riscatti, le prestazioni risultanti non potranno essere ritirate dalla previdenza sotto forma di capitale nei 3 anni successivi.
  • Per gli immigrati dall’estero, per i primi 5 anni di soggiorno in Svizzera si applicano limiti di riscatto particolari previsti per legge, dei quali saremo lieti di informarvi prima del vostro primo riscatto.

Simulazione online

In qualità di assicurati di Previs, potete simulare un riscatto nella cassa pensione con la nostra applicazione per assicurati e vedere gli effetti sulla vostra prestazione di vecchiaia e il risparmio fiscale. Scaricate l’applicazione sul vostro dispositivo mobile.

Scaricate sul App Store

Scaricate sul Google Play

 

Chiedere di riscatto

Sì, Previs consente un riscatto a partire dai 25 anni di età, a condizione che non siano assicurate le prestazioni massime possibili. Occorre considerare che per 3 anni le prestazioni risultanti da riscatti non possono essere fruite sotto forma di capitale. 

Sul certificato d’assicurazione è indicato l’ammontare del riscatto ancora possibile. Naturalmente saremo lieti di inviarvi un’offerta di riscatto non vincolante.

Un riscatto facoltativo ha effetti positivi. Oltre ai vantaggi fiscali, grazie a un riscatto volontario si migliora la protezione previdenziale colmando così le eventuali lacune di prestazione. Queste possono sorgere in seguito alla mancanza di anni contributivi, in caso di aumenti salariali, divorzio o pensionamento anticipato.

La somma di riscatto massima possibile corrisponde alla differenza tra gli averi di vecchiaia massimi possibili secondo il piano previdenziale e gli averi di vecchiaia esistenti computando tutte le prestazioni di libero passaggio da precedenti rapporti di previdenza.

Un riscatto volontario nelle prestazioni regolamentari è (diversamente dal rimborso del prelievo anticipato per la proprietà d’abitazioni) deducibile dal reddito imponibile. Per domande dettagliate sulla legittimazione alle deduzioni fiscali, l’ideale è che vi mettiate in contatto con l’ufficio di tassazione competente.

Se siete immigrati dall’estero e in precedenza non siete mai stati affiliati a un istituto di previdenza in Svizzera, la vostra somma di riscatto annua massima nei primi 5 anni dopo il trasferimento è limitata al 20% del vostro salario assicurato. Previs Previdenza sarà lieta di comunicarvi per iscritto l’importo esatto.

Dopo un divorzio: sì, le lacune in seguito a un divorzio possono essere colmate in ogni momento (fino al subentro di un caso di prestazione) e indipendentemente dalle condizioni di riscatto vigenti.

Dopo un prelievo anticipato PPA: fino a 3 anni prima del pensionamento potete effettuare in ogni momento un rimborso, che però deve ammontare almeno a CHF 10’000.00 (per pagamento). Prima di poter effettuare un riscatto volontario nelle prestazioni regolamentari, dovete aver rimborsato per intero il prelievo anticipato.

Siamo a sua completa disposizione e aspettiamo con piacere la sua presa di contatto.

Previs Previdenza
Brückfeldstrasse 16
Casella postale
3001 Berna

info@previs.ch
031 963 03 00

Vorsorge Leistung

Testo da Identificare Rigene CAPTCHA

Login Previdenza

App per assicurati