Pensionamento

Elementi Navigazione

L’età di pensionamento ordinaria per donne e uomini corrisponde a 65 anni compiuti. La persona assicurata ha la possibilità di andare in pensionamento anticipato tra il compimento dei 58 anni e l’età di pensionamento ordinaria. Il pensionamento può essere differito al massimo fino al compimento del 70° anno di età.

La tabella seguente offre una panoramica delle aliquote di conversione vigenti. Tra il 2018 e il 2021, le aliquote di conversione saranno ridotte al valore target del 5,5% (cfr. Regolamento di Previdenza, Allegato 1). Tutte le aliquote di conversione sono identiche per uomini e donne.

valido gù 01.01.2022:

Età al momento del pensionamento Aliquota di conversione en %
58 4.52
59 4.66
60 4.80
61 4.94
62 5.08
63 5.22
64 5.36
65 5.50
66 5.64
67 5.78
68 5.92
69 6.06
70 6.20

 

Rendita o capitale

Al momento del pensionamento, la persona assicurata o il beneficiario delle prestazioni di invalidità può percepire la prestazione di vecchiaia sotto forma di capitale. Per la parte della prestazione di vecchiaia corrisposta sotto forma di capitale decade il diritto a una rendita di vecchiaia e alle prestazioni future.
La richiesta scritta di liquidazione in capitale deve essere trasmessa alla Previs al più tardi insieme alla notifica di pensionamento.

Pensionamento parziale

Al più presto al compimento dei 58 anni può avere luogo un pensionamento parziale. Il grado di occupazione deve essere ridotto in maniera determinante e permanente e il rapporto di lavoro restante deve essere pari ad almeno il 30% di un grado di occupazione a tempo pieno (100%). La soglia d’ingresso definita nel piano previdenziale dev’essere raggiunta.

Rendita di transizione AVS

In caso di pensionamento anticipato, la persona assicurata può richiedere all’AVS una rendita di transizione AVS per il periodo fino al raggiungimento dell’età di pensionamento ordinaria. Questa può essere prefinanziata. Informazioni dettagliate al riguardo si trovano sotto il tema «Riscatto nel pensionamento anticipato».

Domande frequenti

Sì, al momento del pensionamento, sia la persona assicurata attiva sia il beneficiario delle prestazioni di invalidità può percepire la prestazione di vecchiaia sotto forma di capitale. Sussiste anche la possibilità di una liquidazione parziale in capitale.

La richiesta deve essere presentata al più tardi con la notifica di pensionamento. Non esistono termini più estesi.

Se la persona assicurata è coniugata o vive in unione domestica registrata, per il pagamento in contanti del capitale di vecchiaia è necessario il consenso scritto autenticato del coniuge o del partner registrato.

Se la persona assicurata non è coniugata o non vive in unione domestica registrata, per il pagamento in contanti del capitale di vecchiaia è necessario un certificato individuale di stato civile.

Sì, l’autenticazione della firma può avvenire anche presso la sede di Previs.

I dettagli a tale riguardo si trovano sotto la voce «Decesso».

Siamo a sua completa disposizione e aspettiamo con piacere la sua presa di contatto.

Previs Previdenza
Brückfeldstrasse 16
Casella postale
3001 Berna

info@previs.ch
031 963 03 00

Vorsorge Leistung

Testo da Identificare Rigene CAPTCHA